Home arrow L'Europa dell'Istruzione
L'Europa dell'Istruzione
 

L'Europa dell'Istruzione costituisce un settore di intervento, promosso, con direttiva ministeriale (giugno 2004), nell'ambito del dettagliato Programma di lavoro, adottato congiuntamente, nel febbraio 2002, dal Consiglio europeo e  dalla Commissione, a seguito (su  mandato del Consiglio europeo di Lisbona, marzo 2000), della riflessione e conseguente Rapporto (Istruzione e Formazione 2010) del Consiglio "Istruzione"  sui futuri concreti obiettivi dei sistemi d'istruzione (Stoccolma, marzo 2001).


Il Programma, presentato al Vertice europeo di Barcellona nella primavera del 2002 (15-16 marzo) e definito (nelle aree prioritarie di intervento oltre che nella scadenza temporale, 2010) durante il Consiglio dei Ministri dell'Istruzione del maggio 2003, è stato oggetto di analisi (relativamente a progressi e ritardi) nella "Relazione intermedia (Istruzione & formazione 2010 L'urgenza delle riforme per la riuscita della strategia di Lisbona) comune del Consiglio e della Commissione sull'attuazione del programma di lavoro dettagliato concernente il seguito dato agli obiettivi dei sistemi d'istruzione e di formazione in Europa", presentata al Consiglio europeo di Bruxelles (25 e 26 marzo 2004).



Le Linee di indirizzo "Più scuola in Europa, più Europa nella scuola" (diramate, il 21 giugno 2007, con CM prot. 3999) sanciscono la continuità del processo (per la promozione e la valorizzazione della dimensione europea dell'educazione), avviato nel 2004, e ne avvalorano gli impliciti significati  (assumere la dimensione europea quale ambito "naturale" di confronto strategico, di programmazione territoriale e di impegno operativo") e funzioni (contribuire al miglioramento quantitativo e qualitativo della partecipazione delle scuole italiane ai processi di cooperazione europea)


Conclusioni del Consiglio del 12 maggio 2009 (ET 2020)

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 10 novembre 2010 )